Nel nero dipinto di blu

C’è un mostro al lavoro sotto la superficie dell’Oceano Artico. Si riposa un po’ in inverno, per poi ridestarsi in primavera e affannarsi come un ossesso fino all’autunno inoltrato. Col passare degli anni ha accresciuto il suo furore, quasi che il peso degli anni lo avesse rinvigorito anziché fiaccato. Un’energia oscura, che viene da lontano, lo nutre conferendogli sempre maggiore potenza: possiamo immaginarlo mentre si dimena, in preda ad interminabili convulsioni, scatenando la sua furia epica contro il ghiaccio che lo sovrasta. Continua a leggere

Chi ha aperto lo sportello del freezer?

Gli sforzi divulgativi sui cambiamenti climatici si scontrano con molteplici e diversificati ostacoli, che concorrono a spiegare come è stato possibile giungere ad una situazione di tale gravità senza che la comunità internazionale sia riuscita a trovare l’energia per cambiare traiettoria allo sviluppo economico mondiale. Il primo e più evidente problema è stato ed è tuttora la non immediatezza della relazione causa-effetto fra emissioni di gas serra e riscaldamento globale. La piena comprensione del meccanismo richiede infatti nozioni di carattere scientifico che molti non hanno, così come richiede di accettare l’idea – che appare inconcepibile a molti – che le modificazioni di un sistema naturale così imprevedibile ed apparentemente insondabile come il clima possano essere originate dall’attività umana. Continua a leggere