Il Cambiamento climatico secondo Eni

Non so a voi, ma a me fa molto sorridere il modo in cui le aziende e le grandi corporations in particolare fanno uso dei social networks per le loro strategie comunicative. Rispetto alla freschezza e all’immediatezza che sgorga spontanea dai giovani, le multinazionali sono il più delle volte goffe, inadeguate e patetiche nell’approccio ai nuovi media. Quando poi vogliono far credere di voler interagire con il pubblico scendendo dal loro abituale piedistallo, allora diventano davvero imbarazzanti e riescono il più delle volte a sortire l’effetto opposto a quello atteso, mostrando a tutti che un dinosauro, per quanto si sforzi di essere agile, non potrà mai trasformarsi in un fringuello.

Dunque, ieri sono venuto a conoscenza che l’Eni, nell’ambito della presentazione del Piano Strategico 2016-2019 dell’azienda, ha lanciato l’hashtag #AskDescalzi mediante il quale era possibile porre dei quesiti su Twitter all’Amministratore Delegato Claudio Descalzi. Caspita, mi sono detto, quale migliore opportunità per far ascoltare qualche voce critica ai dinosauri fossili delle fonti fossili? E così ho rivolto anch’io una domanda al Grande Puffo senza barba e senza cappello dell’Eni, che naturalmente non ha avuto risposta, ma di questo parleremo in un prossimo post. Ho deciso però, come avrebbe detto Jannacci, di seguire comunque l’iniziativa “per vedere l’effetto che fa”. E quindi, al termine della breve sessione di domande e risposte (non si può certo pretendere che il CEO dell’Eni si scomodi per più di qualche minuto per rispondere a domande provenienti da un pugno di signor Nessuno…), sono andato a leggere cosa ha detto Descalzi, imbattendomi in una domanda più che opportuna proveniente da un cittadino, che recitava così:

“Buongiorno, quale è la strategia di Eni rispetto alla questione climate change? Grazie! Keep in mind COP21”

Questa è stata una delle pochissime domande a cui, bontà sua, Descalzi ha fornito risposta con un video di ben 28 secondi di cui riporto di seguito la trascrizione letterale:

“Il climate change è per Eni un fatto prioritario, l’abbiamo detto, ma non solo abbiamo parlato di climate change, abbiamo fatto molto. In quattro anni abbiamo ridotto le nostre emissioni del 27%, abbiamo messo tecnologie, abbiamo aperto nuove direzioni per occuparcene, stiamo lavorando per ulteriori riduzioni e soprattutto per quello che riguarda le emissioni di CO2 e il venting di gas”.

Non è stupefacente? La missione di Eni è quella di estrarre e lavorare combustibili fossili, la cui combustione è la causa primaria del cambiamento climatico, e la strategia di Eni a riguardo è quella di ridurre le proprie emissioni come se si trattasse di un’industria qualsiasi che produce, che so, caramelle o giocattoli! Descalzi ritiene davvero che ci siano imbecilli disposti a credere che il contributo di Eni alla lotta al cambiamento climatico possa limitarsi a qualche piccolo miglioramento tecnologico per ridurre le emissioni di gas incombusti durante i processi estrattivi nei giacimenti di petrolio e gas?

Da cittadino, io mi sento preso in giro da questa risposta, che suona come un’offesa all’intelligenza delle persone e, perché no, anche come una sonora pernacchia ai tanti azionisti grandi e piccoli di Eni, i quali sanno tanto quanto Descalzi che la minaccia drammatica del riscaldamento globale costituisce una minaccia esiziale alla stessa esistenza dei colossi petroliferi come Eni. Fossi in uno di loro, fosse anche solo per risposta alla tronfia arroganza di Descalzi, non esiterei a disfarmi delle azioni Eni.

Lasciate allora che lanci nel mio piccolo anch’io un hashtag, #DescalziNonSiamoDeficienti, e suggerisca a chi legge queste righe di twittare questo post e la propria indignazione al Communications Director di Eni @marcobardazzi. Chissà che i dinosauri comincino ad abbassare un po’ la cresta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...